Eiaculazione precoce e prostatite

La prostatite, ovvero l’ infiammazione della prostata, potrebbe essere la causa dell’ eiaculazione precoce negli uomini, indistintamente dall’età. L’infiammazione della prostata colpisce, infatti, in un’età variabile che va dai 18 ai 45 anni e generalmente si manifesta con febbre alta, brividi e difficoltà durante la minzione. A questi sintomi acuti dovuti alla prostatite , spesso se ne affiancano altri come dolore nelle zone genitali, senso di pesantezza, e bruciore delle vie urinarie.

Eiaculazione precoce: può dipendere dalla prostatite

Sono proprio medici e specialisti a confermare che l’infiammazione della prostata , o prostatite che dir si voglia, è tra le possibili cause dell’ eiaculazione precoce nell’uomo. La relazione tra infiammazione della prostata ed eiaculazione precoce è oggi determinabile grazie ad una scoperta tutta italiana condotta dall’Università dell’Aquila già dieci anni fa. Da allora numerosi studi sulla prostatite , in relazione all’ eiaculazione precoce , sono stati condotti in tutto il mondo confermando la validità dell’osservazione dei nostri esperti italiani.

Eiaculazione precoce e prostatite

Eiaculazione precoce: i meriti della ricerca italiana

Il professor Emanuele A. Jannini, coordinatore della Commissione Scientifica della Società italiana di Andrologia e Sessuologia Medica afferma che la relazione tra l’ infiammazione della prostata e il disturbo da eiaculazione precoce è un merito giustamente attribuibile agli esperti ed ai ricercatori italiani, i quali oltre dieci anni fa scoprirono che nel 56,5% dei soggetti affetti da eiaculazione precoce , oltre il 47,8% era affetto in concomitanza anche da prostatite batterica.

Questa è un’ulteriore conferma di quanto l’ eiaculazione precoce non si possa ritenere un problema di carattere esclusivamente psicologico: possono intervenire, infatti, cause organiche ben definite come quelle che riguardano la prostata. Un motivo in più, quindi, per non chiudersi in se stessi ma rivolgersi ad medico in grado di determinare le reali cause di un disturbo sessuale come l’eiaculazione precoce.